L’elettrico si fa strada in Italia. Il mercato delle auto elettriche nel 2021 in Italia ha conosciuto uno sviluppo importante con una crescita, rispetto all’anno precedente, del 128% di immatricolazioni di auto elettriche ed ibride plug-in.
Nello specifico sono stati immatricolati 67.255 veicoli elettrici e 69.499 auto ibride plug-in per un totale di 136.754 mezzi elettrici immatricolati nel 2021.

Il mercato dell’elettrico va in controtendenza al mercato automobilistico in Italia. Nel 2021, infatti, è stato registrato un forte calo delle immatricolazioni, con un -23% di auto (circa 400.000) vendute nel periodo precedente alla pandemia e dunque rispetto ai dati del 2019.
Al contrario, il mercato della mobilità elettrica nel nostro Paese ha fatto registrare un andamento positivo, a cui hanno pesato e non poco l’Ecobonus e gli incentivi statali.

Peraltro, la Legge di Bilancio 2022 ha prorogato fino al 2024 il bonus colonnine auto elettriche per sostenere le spese relative all’acquisto e all’installazione di infrastrutture di ricarica.

L’anno scorso le auto elettriche in Italia hanno raggiunto una quota di mercato del 9,3%. Un dato incoraggiante per la crescita della e-mobility, se pensiamo che nel 2020 la quota di mercato era ferma al 4,3%.
Tuttavia, l’Italia è ancora piuttosto indietro se guardiamo agli altri Paesi europei dove le immatricolazioni di auto elettriche e ibride plug-in, nel 2021, hanno raggiunto livelli più alti.
Per fare qualche esempio, nel Regno Unito l’11,6% delle auto immatricolate durante il 2021 sono elettriche e plug-in, in Germania il 13,5% e in Svezia e in Olanda il 19%.

In questi Paesi la crescita del mercato elettrico è sostenuta da una filiera industriale già in fase avanzata e un adeguato sistema di infrastrutture di ricarica delle auto, sia sulle strade cittadine che sulle autostrade.

Secondo le ultime stime di EY Electric Vehicle Country Readiness Index, entro il 2033 le vendite di auto elettriche in Europa, negli Stati Uniti e in Cina dovrebbero superare le vendite ei veicoli con motore a combustione.

Il Politecnico di Milano ha elaborato un rapporto sulla mobilità elettrica, delineando una previsione del mercato italiano dell’elettrico al 2030: emerge che il 55% delle nuove immatricolazioni sarà un’auto elettrica, 1 veicolo su 7 sarà elettrico, per un totale di circa 5,5 milioni di auto alimentate da corrente elettrica.

In Italia, il 68% di persone che guidano un’auto elettrica vive al Nord, in città e spesso hanno delle wallbox (o colonnine di ricarica) installate nel proprio box privato.
Trento e Bolzano sono in testa fra le città italiane con la percentuale più alta di auto elettriche, rispettivamente il 5,46% e il 3%.

Il modello full electric più venduto in Italia nel 2021 è stata la Fiat 500E con oltre 10.000 unità vendute.
Seguono la Smart ForTwo e la Renault Twingo.

L’ostacolo più grande all’acquisto di un’auto elettrica è il prezzo: il gap fra i costi di acquisto di un’auto termica ed un’auto elettrica si sta assottigliando progressivamente e si prevede che entro il 2030 si annullerà totalmente, anche per la fascia medio-bassa, ovvero per i modelli di auto più economici.

Ciò segnerà un punto di svolta per la transizione energetica del settore automobilistico, da cui non possiamo più tornare indietro ma dobbiamo abbracciarla facendone uno stile di vita.

Call Now Button